Caos calmo è un romanzo di Sandro Veronesi, vincitore del Premio Strega 2006 e del Premio Mediterraneo 2008. [3], Nel 1985 si laurea in architettura a Firenze con una tesi su Victor Hugo e la cultura del restauro moderno. Però non mi convinceva. Credo che fare un romanzo in un momento storico in cui in Italia sta succedendo di tutto sia un grosso sbaglio. (EN) Opere di Sandro Veronesi, su Open Library, Internet Archive. Forse perché ho sempre visto, anche negli altri, il rischio terribile che i figli siano rovinati e sacrificati dall’ego paterno. Ma ho capito che è uno dei veleni che possono distruggere la famiglia. Nel novembre 2015 lascia Bompiani,[12] insieme tra gli altri a Umberto Eco, per approdare a La nave di Teseo.[13]. Ho frequentato il giro delle mamme davanti alle scuole, per anni ho fatto come loro, cioè staccavo dal lavoro verso le 14 per dedicare il pomeriggio alle merende, ai compiti, alle visite mediche. Più di quella dei miei amici che abitavano in provincia, dove non si usa andare a vivere da soli. Di Sandro Veronesi ho letto per intero dodici libri: Per dove parte questo treno allegro, Venite venite B52, Gli sfiorati, Caos calmo, Superalbo, Brucia Troia, XY, Il Vangelo di Marco, Baci Scagliati Altrove, La forza del passato, Terre rare; nel mucchio ci sono libri splendidi, la … Non credo molto nell’oroscopo, ma ho fatto caso a questa coincidenza. È difficile riuscire a trovare un ambiente più conflittuale, e potenzialmente malato, della famiglia. A distanza di poco più di venticinque anni, la rete Calzedonia può vantare più di 2.000 negozi sparsi nel mondo: Italia, Austria, Belgio, Cipro, Croazia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Macedon… According to the Forbes list of billionaires, Sandro Veronesi is one of the richest people in the world, with a net worth of over one billion dollars. La mia Nina sembra che lo sappia, perché ogni tanto prende la testa mia e di mia moglie e dice, nel suo linguaggio infantile: “Tutti baciati”. Più madre che padre: per un lungo periodo lo sono stato a tutti gli effetti, nel senso che ho curato, sfamato, portato a scuola i miei figli. Sandro Veronesi quarantaduenne di Belluno Veronese, Vien da chiedersi come si siano evoluti i rapporti con il suocero, nella cui azienda lavora la moglie:.Ha quattro figli, li ha accuditi, portati a scuola, seguiti. Bello è bello, in jeans, camicia e giacca. Il suo romanzo d'esordio è del 1988, Per dove parte questo treno allegro, al quale seguono Gli sfiorati (1990) e Venite, venite B52 (1995), ispirato alla letteratura statunitense e in particolare a Thomas Pynchon.[4]. Sandro Veronesi non racconta personaggi dello sport, ma pezzi di storia, della nostra storia. Le risposte sono accessorie e quasi sempre deludenti. Anche con mia moglie è successo così. Quattordici storie di ordinaria sofferenza quotidiana. I vincitori degli ultimi venti anni - libreriauniversitaria.it, Lo Strega al Caos Calmo di Veronesi - Corriere della Sera, PressReader.com - Connecting People Through News, Sandro Veronesi vince il Superflaiano per la narrativa, Lo scatto di Giunti, Bompiani è sua: ‘Saremo protagonisti della narrativa’, Ecco il simbolo de La Nave di Teseo, la nuova casa editrice di Elisabetta Sgarbi, Premio Strega, vince il colibrì di Sandro Veronesi, Premio Strega 2020: il vincitore è Veronesi con Il colibrì, Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Occhio per occhio. Eppure il filo conduttore sembra evidente: i protagonisti sono figli, padri, parenti; la famiglia. Di tormenti interiori, sulla faccia cordiale di Veronesi, neanche l’ombra (ma poi, durante l’intervista...). Uno “splendido pendolare”, lo definirebbe il suo amico Nanni Moretti, che ha interpretato al cinema il suo romanzo più famoso, Caos calmo. Prima biografia Parentele Sandro Veronesi, su Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. Come mai un libro di racconti?«Li ho sempre scritti, sempre letti, sempre pubblicati da quando sono socio dell’editore Fandango. "Il colibrì di Sandro Veronesi ha iniziato il suo cammino internazionale, ha visto e vedrà la luce in 26 paesi e 22 lingue. «La vita è difficile da accettare, da qualsiasi prospettiva la si guardi. Il racconto che le è costato più fatica?«Profezia. Più che dal conflitto reale con mio padre - con cui ho litigato su tutto, ma per il gusto di “beccarci” più che per dissidi veri e propri -, sono stato traumatizzato dall’idea stessa del potere che un genitore ha di far fare al figlio quello che lui vuole». Era problematico interagire con suo padre?«Con lui ci sono stati conflitti, era severo, ma mi ha lasciato tanta libertà. Dall’Eneide all’Ulisse di Joyce, è tutta una storia di relazioni genitori-figli. Sandro Veronesi, patron di Calzedonia (2,3 miliardi di fatturato e 32 mila dipendenti), ha ideato Signorvino, una catena di eno-bistrot che, a sette anni dalla nascita, è pronta per essere esportata. Invece io mi sono trasferito presto a Roma, godendo di tre, quattro anni di “assenza di famiglia”». Collabora con numerosi quotidiani e riviste letterarie; insieme a Domenico Procacci ha fondato la casa editrice Fandango Libri, ed è tra i fondatori della web radio Radiogas. Mai provato questa gelosia?«No, non l’ho mai provata. Sandro Veronesi ha vinto, con 200 voti, il suo secondo Premio Strega con 'Il colibrì' (La neve di Teseo) dato subito per superfavorito e sempre in testa durante lo spoglio. Nel 2000 pubblica La forza del passato, vincitore del Premio Campiello[6] e del Premio Viareggio,[7] e tradotto in 15 lingue; da quel romanzo è tratto l'omonimo film di Piergiorgio Gay. Ma lo dice? [14] Veronesi ha creato un gruppo da 235 milioni di euro di fatturato tra calze e intimo Il piccolo impero di Calzedonia Sandro Veronesi quarantaduenne di Belluno Veronese, figlio di un idraulico e di una casalinga e unico laureato del piccolo paesino veneto d’origine, più che un manager rampante votato alla carriera ha l’aria del buon padre di famiglia. Da quella di Profezia, in cui il protagonista racconta le ultime settimane di vita del padre, a quella, spietata, di Quel che è stato sarà, in cui due ragazzini hanno la vita devastata, fino alla tragedia, dai loro padri. La forza sta nel porsi domande sull’esistenza. Ecco, ho il difetto di non essere severo, ma il buffo è che i miei figli mi temono lo stesso. E lei che papà è? Mi spiego: penso di essere poco tenace, invece passo per uno molto agguerrito. E con la sua erre moscia disse l’aggettivo “presagico”. Eroi, semidei osannati dalle folle e consacrati dalla mitologia, sono accanto a sconosciuti uomini e donne che hanno attraversato stadi, campi di calcio e di tennis, l?aria, il mare e le terre estreme. Nel 1985 consegue la laurea in architettura e tre anni dopo pubblica il suo primo romanzo, dal titolo Per dove parte questo treno allegro. È il primo libro di racconti di Sandro Veronesi: Baci scagliati altrove (Fandango). «Mah... Certo è che nella negoziazione sono il primo che molla. Chi è Giovanni Veronesi : la biografia. Io sono per la seconda soluzione: tutte le mattine comincio a lottare». This corporation consists of Calzedonia, Intimissimi, Tezenis, Falconeri, Signorvino, Atelier Emé and Cash & Carry. Per parlare di questi frammenti di esistenza crudele e, quando va bene, misteriosa, come è l’amore nel breve Una telefonata dal cielo, sono venuta a intervistarlo nella sua casa di Prato, in cui vive tre, quattro giorni la settimana con i due figli Lucio, 17 anni, e Gianni, 12, perché gli altri giorni li passa a Roma col figlio più grande, Umberto, 20, e la figlia più piccola, Nina, 2, avuta dalla seconda moglie Manuela Cavallari. “Presagico” è finito nel mio libro». It Shoes: le scarpe più belle della stagione, © 2021 Mondadori Media S.p.A. - via Bianca di Savoia 12 - 20122 Milano - P.IVA 08009080964 - riproduzione riservata. Anche se pochi lo ammettono». ), The Development of Arabic as a Written Language, Archaeopress, Oxford, 2010 Lui era Leone, così la mia seconda moglie e la mia prima fidanzata, così mio figlio Gianni. Tra il 2014 e il 2015 pubblica dapprima Terre rare e poi Non dirlo - Il Vangelo di Marco, questo ultimo da cui ha tratto un monologo teatrale. Io ne avevo scritti di racconti, in precedenza, li avevo lì nel cassetto, ma non avevo mai concepito una raccolta con un filo conduttore. Sandro Veronesi così fonda Calzedonia: il marchio nasce nel 1986 a Verona, con l’intenzione di creare un business nella vendita di calze e costumi da donna, uomo e bambino, attraverso una rete di negozi in franchising. E quando riesci a uscire da quella d’origine, subito te ne formi un’altra. Ma questa confusione mi ha portato parole, frasi, concetti. Seguono poi: Gli sfiorati e … Nel 2006 vince il premio Strega grazie al romanzo Caos calmo,[9] uscito l'anno precedente, con il quale vince inoltre nel 2008 a Parigi il Prix Femina[10] e il Premio Mediterraneo per gli stranieri. Allora ho pensato che, se fossi riuscito a scrivere quello che poi apre il libro, Profezia, dedicato alla morte di mio padre, avrei potuto avere il “mio” libro di racconti». Con le donne, invece, non sembra un perdente.... «Con loro credo di essere in un modo e invece mi percepiscono in un altro. Del resto non ho inventato niente: il malessere familiare è il pezzo forte del romanzo borghese occidentale. Sandro Veronesi ha vinto, con 200 voti, il suo secondo Premio Strega con ‘Il colibrì’ (La neve di Teseo) dato subito per superfavorito e sempre in testa durante lo spoglio. Una volta stavo lavorando a un romanzo e scrissi l’aggettivo “profetico”. NEW YORK, 16 OTTOBRE 2019: Sandro Veronesi e Irina Shayk all’apertura di un punto vendita Falconeri a New York City – Brian Ach/Getty Images for Falconeri A fine 2018, lavoravano nel gruppo Calzedonia 36.653 dipendenti in totale , ossia 2.516 in più rispetto all’anno prima. Sanno che, da un momento all’altro, posso dire: “Da domani niente Vespa”». Ho detto: siamo a posto». Volevo scrivere dei giorni in cui ho assistito mio padre, fino al momento estremo, per chiudere una partita. Ho imparato a detestare le madri stressate che sono ai giardinetti col telefonino in mano, mentre il figlio, davanti a loro, cade dall’altalena. Sandro Veronesi. Nel 2003 pubblica la riduzione teatrale del film del 2001 No Man's Land di Danis Tanović. Perfetto! Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 1 dic 2020 alle 11:34. E ho sempre pensato che non fossero una forma letteraria minore, li scriveva anche James Joyce! Sulla carta. Pagina non gestita dallo scrittore Sandro Veronesi. [8] Nel 2002 scrive la prefazione a L'incredibile menzogna di Thierry Meyssan, riguardante le teorie cospirative sull'11 settembre 2001. Ma non trovavo una forma letteraria forte. https://intervistemadyur.blogspot.com/2008/12/intervista-sandro-piccinini.html Lì ho scritto Caos calmo e tutti gli altri libri. Sandro Veronesi (Firenze, 1º aprile 1959[1]) è uno scrittore italiano. Il figlio numero tre, Gianni, lo sa. Giovanni Veronesi: dagli esordi a "Non è un paese per giovani", RACCOLTA PREMIO NAZIONALE DI NARRATIVA BERGAMO, Premio Campiello. Però sto preparando, con il fumettista Igort, un libro illustrato, una storia noir, quasi gotica, in cui la mia scrittura è al servizio dei suoi disegni». Macdonald (ed. Non credo molto nell’oroscopo, ma ho fatto caso a questa coincidenza. Nato a Prato il 31 agosto del 1962 è il figlio dello scrittore Sandro Veronesi e, esattamente come il padre, ha una mente molto creativa. Ne vengono pubblicati pochi a causa della “complicità” colpevole degli editori che scoraggiano gli scrittori (perché, diciamolo, i racconti  non vendono molto). 5,313 likes. Lui era Leone, così la mia seconda moglie e la mia prima fidanzata, così mio figlio Gianni. Nel 2001 pubblica il libro per ragazzi Ring City che vince il Premio Fregene. Spesso, a tre metri da quel tavolo, c’è gente che entra, esce, accende la tv. O fai finta di non vederlo, conducendo una vita onesta e superficiale, e poi, se ti arriva una disgrazia, non pensi d’averla causata. “Sto pensando alla mia famiglia, ai miei figli, a mia moglie, ai miei fratelli. Bibliografia italiana di Sandro Veronesi, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. «Non pochissimo. È proprio per certe manifestazioni del Male che i suoi personaggi fanno fatica ad “accettare” la vita? All’indomani della vittoria lo scrittore racconta il libro che lo ha portato a vincere per la seconda volta: «Da ogni esperienza una rivelazione, così sono arrivato al Colibrì» So come si prepara uno zaino con libri e quaderni. Storia e storie della sceneggiatura in Italia. Dopo Paolo Volponi, Veronesi è il secondo autore ad aver vinto due volte il Premio Strega[15]. Tra il 1997 e il 1998 collabora con Rai 3, ed è autore e conduttore del programma televisivo Magazzini Einstein, per la regia di Arturo Minozzi. La zona di libertà dura poco». C’era la televisione accesa, uno dei miei figli guardava una trasmissione in cui l’ex calciatore Fulvio Collovati commentava una partita. Lei di figli ne ha quattro. Abbiamo una figlia, ma il grande amore è quello che abbiamo vissuto prima. "Sto pensando alla mia famiglia, ai miei figli, a mia moglie, ai miei fratelli. L’ho finito nel 2011, ma l’ho iniziato molto prima». Si sono fatte cose efferate per questa gelosia. Ha quattro figli, li ha accuditi, portati a scuola, seguiti. «È ciò di cui ho sempre scritto. Sarà per questo che l’argomento preferito dei libri di Sandro Veronesi è la famiglia? Veronesi apre la porta. Così mia figlia Nina. Tenendo conto che il Male è dappertutto, ma che il primo è quello che tu sei in grado di causare. E poi ho il perdono facile. La mentalità corrente è questa: se hai un’idea forte, tanto vale che tu faccia un romanzo. Review of: M.C.A. A volte succede che da una grande passione arrivino i figli e, dopo, si guasti. E vince sempre». Vincitore della 74esima edizione del Premio Strega, Sandro Veronesi è fra i maggiori narratori italiani contemporanei. Certo è che nella famiglia con prole vedo il rischio delle gelosie che i padri possono provare per l’amore che lega i ragazzi alla madre. La prima volta con “Caos calmo” nel 2006 e ora con “Il Colibrì”, Sandro Veronesi è l’unico scrittore, dopo Paolo Volponi, ad aver vinto per ben due volte il Premio Strega. Che è importantissimo, perché rappresenta la sicurezza, non solo economica (non è un caso che il nome “padre” abbia la stessa radice di “patrimonio”), per affrontare il mondo». Sente che i baci che arrivano a lei sono scontati, ma sarebbero problemi, soprattutto per lei, se venissero a mancare tra me e sua madre». Io, che sono un Ariete, ho sempre avuto grandi scontri con i Leone. Il conto lo paghi comunque: il credente alla fine, l’ateo giorno per giorno». Sandro Veronesi ha vinto, con 200 voti, il suo secondo Premio Strega con "Il colibrì" (La neve di Teseo) dato subito per superfavorito e sempre in testa durante lo spoglio. Giovanni Veronesi, ospite oggi al salotto di Mara Venier in Domenica In, è un grande sceneggiatore e regista italiano cui si devono tanti grandi successi made in Italy.. Giovanni Veronesi, vita e importanti. In parecchi dei suoi racconti, penso al ragazzino Mete che tortura la tartaruga, c’è il Male. Nasce a Prato, in Toscana, il 31 agosto del 1962 sotto il segno zodiacale della Vergine. La pena di morte in quattro storie, Ma smettetela di chiamarci giovani scrittori, Sandro Veronesi ha vinto il Premio Strega, Vincitori che "si sono distinti nella vasta cultura italiana", https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Sandro_Veronesi&oldid=117012995, Vincitori del Premio Viareggio per la narrativa, Studenti dell'Università degli Studi di Firenze, Voci biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. Con il nuovo editore pubblica Un dio ti guarda nel 2016, Cani d'estate nel 2018 e Il colibrì nel 2019; quest'ultimo, dopo essere stato votato come "Libro del 2019" nella Classifica di Qualità de La Lettura del Corriere della Sera, vince il 74º Premio Strega l'anno successivo. La sua zona di libertà quanto è durata? Così mia figlia Nina. Io prima ho scritto un libro, poi fatto un figlio e dopo il primo figlio ho piantato un albicocco, nella casa al mare. Un vero mistero». «È vero. [2] Vive a Roma con i suoi cinque figli. Sandro Veronesi (born 1959) is an Italian entrepreneur, and founder of the Calzedonia Group. «Poco severo e normativo. È autore di quattro libri giornalistici: le raccolte di interviste Cronache italiane (1992), Premio Bergamo 1993,[5] e Live (1996), Occhio per occhio (1992), inchiesta sulla pena di morte nel mondo, e Superalbo (2002), libro che contiene i suoi articoli giornalistici. Poi,  l’escamotage: passare dal passato al futuro, col tono della profezia, appunto. Ma davvero lavora, come ha detto nelle interviste, su quel tavolo, in mezzo alla sala, in una stanza di passaggio?«Mai avuto uno studio per me. Registrazioni di Sandro Veronesi, su RadioRadicale.it, Radio Radicale. Incontriamo Sandro Veronesi a Roma, dove vive con la seconda moglie, Manuela, con cui ha avuto due figli, Nina e Zeno. Sandro veronesi moglie. Sto pensando al mio editore, a Elisabetta Sg Più che altro, lei parla del rapporto padre-figlio. Sta già preparando il nuovo libro?«Ho delle idee su cui sto lavorando, ma non ho ancora scelto su quale puntare. Sandro è il fratello maggiore del regista e sceneggiatore Giovanni Veronesi e oggi vive a Roma con la sua famiglia, la moglie e i cinque figli. È fratello maggiore del regista e sceneggiatore Giovanni Veronesi. Preferisco aspettare. Questa biografia, caso unico, consiste di due biografie: la prima, quella che ha scritto lo stesso Sandro Veronesi, espressamente per il sito proprio (in allestimento) e per il sito www.cinquantamila.it; la seconda, quella che il sito cinquantamila gli ha dedicato fino al 4 febbraio 2018 (con aggiornamenti). Ci si può difendere?«Si può agire in due modi. [11] Nel 2007 esce Brucia Troia. Ha detto che i grandi amori “succedono” prima dell’anno zero, quello in cui nascono i figli... «Non è una cosa negativa. Oppure ne sei consapevole, e cerchi di combatterlo.