Dante e la divina commedia ... riunisce i traditori, divisi nelle regioni della Caina (traditori dei parenti), dell’Antenora (traditori della patria, come l’Ugolino della Gherardesca del canto XXXIII), della Tolomea (traditori degli ospiti) e della Giudecca (traditori dei benefattori). Anzi, solo accennata, Dagli dei antichi ai carri, è la festa della rigenerazione, Basta ristori: la Calabria è pronta per la ripartenza economica e turistica, https://culturaidentita.it/wp-content/uploads/2019/01/TESSERAMENTO-CULTURAIDENTITA-DEF.mp4, «ArTV Channel, la web tv degli artisti di tutte le discipline». La Divina Commedia. Nella Commedia del resto troviamo vari affronti al “politically correct”. Analisi del canto Invocazione di Dante - versi 1-15. Posted by farinatadegliuberti in Inferno, Luoghi ≈ Lascia un commento. Creato da. Mah, dove li metteremmo noi non ha importanza, tanto fin’ora li mettono tutti al quirinale. E non è difficile immaginare, oggi, molti nuovi abitatori di quel settore: da quanti svendono la sovranità perché “ce lo chiede l’Europa” ai guitti giallo fucsia del MES a tutti i costi, e più in generale tutti quelli che tendono, secondo una moda in auge, a svalutare il concetto stesso di patria come retaggio del passato e come pericoloso portatore di guerre e di barbarie. Essere Italiani vuol dire essere figli di culture distanti geograficamente ma che, intrecciate tra loro, formano il DNA di una sola Cultura, quella italiana, amata in tutto il mondo". Il viaggio intrapreso nelle profondità dell’umano agire, scandagliando il baratro Anche in questo caso, è alquanto semplice immaginare un “ripopolamento” contemporaneo del settore, basti considerare a quanti, accolti nel Paese, reagiscono in maniere eufemisticamente poco grate (la cronaca quotidiana ne offre molteplici testimonianze). Non c’è avvenire, infatti, se non si rispettano le proprie origini, se non si difendono le proprie tradizioni. La Divina Commedia - struttura e temi L'opera maggiore di Dante Alighieri è la Comèdia , detta poi "Divina" per primo dal Boccaccio. Conserva in questo browser il mio nome, email e sito web per i prossimi commenti. Il canto inizia con le celebri terzine nelle quali Dante invoca le Muse per trovare rime aspre e chiocce, cioè abbastanza dure e rauche, da adattarsi alla triste degradazione della zona più bassa dell'Inferno, il cerchio nono dedicato ai traditori, coloro che, secondo quanto si legge nel canto XI, sono coloro che hanno violato il … La Commedia Dantesca. XXXI Canto I poeti, percorrendo l’argine interno delle Malebolge lasciano la decima bolgia, e s’accosta­no al pozzo del Cocito (vv. Assai più arduo, in effetti, doveva essere – e tuttora è – trovare ispirazione per il purgatorio o, ancor più, per il paradiso. Ecco imperante il Re dell’Inferno, Lucifero: alto, grosso più di qualsiasi gigante, immerso nel ghiaccio sino alla cintura e sulla testa aveva tre facce; una gialla, una rossa e l’altra nera. Arthur Schopenhauer si sta rivoltando nella tomba, come Dante Alighieri. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Lo ritroveremo in Paradiso. Nell’Antenòra troviamo, poi, i traditori della patria, che hanno la testa eretta: tra loro vi sono Bocca degli Abati e il conte Ugolino. Nella zona dell’Antenora, dove subiscono la dannazione eterna i traditori verso la propria patria, il Poeta inciampa nella testa di Bocca degli Abati. Curiosità: Nella parte più profonda e cupa dell’inferno, immersi nelle acque ghiacciate del fiume Cocito e sferzati dal vento gelido provocato dal battito d’ali di Lucifero, Dante colloca i traditori di ogni ordine e grado. Nella Caina sono puniti i traditori dei parenti, sepolti nel ghiaccio fino al collo e con la testa all’ingiù: non è difficile immaginare tra costoro tutti coloro i quali, secondo i numerosissimi episodi di cronaca quotidiana, uccidono i genitori e i familiari, dando cioè la morte alle persone più fidate. Fa riflettere che il nostro più grande poeta, simbolo della nostra identità nazionale, consideri il tradimento – di cui fa parte il tradimento della patria – come il peccato più grave da punire nel più profondo dell’Inferno (c’è chi lo ha ricordato, come ammonimento, anche di recente). La cultura è il nutrimento dell’anima, il teatro è cultura quindi è un valore fondamentale per l’uomo. Dante descrive con cura questo paesaggio abominevole nei canti XXXII, XXXIII e XXXIV. Presentazione del progetto I COLORI DELLA DIVINA COMMEDIA in occasione del 700° anniversario della morte di Dante Si tratta di 3 tele in cui interpreto la Divina Commedia attraverso le tinte con cui Dante descrive nelle tre cantiche, l’Inferno, il Purgatorio e il Paradiso. La Divina Commedia è considerata il poema nazionale italiano perché: E’ un poema totale, che parla di religione, storia, politica, cultura, scienza, del passato, del presente, del futuro, dell’eterno, dell’universale e del particolare La lingua volgare (= italiano) raggiunge livelli altissimi Altri documenti collegati. Divina Commedia integrale. 1-33), intorno al quale, simili a torri, stanno i giganti (vv. Questa zona potrebbe prendere il nome da due persone: Tolomeo XIII d'Egitto,che ospitò e tradì Sesto Pompeo (confinato … Dio, Patria, Famiglia, Fusaro. Così è accaduta una cosa strana. IL “CRISTO MIGRANTE”, TEORIZZATO DALLA CHIESA BERGOGLIANA, NON C’ENTRA NIENTE COL VERO GESU’ DEI VANGELI. Il nome della zona deriva da quello di un principe troiano, Antenore, che, secondo una leggenda medievale (tuttavia diversa dal testo omerico), aveva tradito la sua città, la sua patria, aprendo le porte ai nemici greci . La Commedia è un poema, cioè un’opera narrata in versi, nel quale si narra il viaggio compiuto da Dante nei tre regni dell’Oltretomba: Inferno, Purgatorio e Paradiso.Ovviamente, si tratta di un viaggio fantastico, simbolico che il poeta fiorentino inventa allo scopo di indurre i lettori a perseguire il Bene e la verità, descrivendo loro … C’è pure chi, con le migliori intenzioni, ha usato espressioni che volevano essere celebrative, ma che di questi tempi possono creare un equivoco. Tra le firme di questo numero troviamo le riflessioni di Diego Fusaro sulla filosofia morale tracciata nella Divina Commedia: in quale zona del cerchio infernale dei traditori avrebbe messo Dante i traditori della Patria che oggi stanno al Governo? Soluzioni per la definizione *Commedia di Shakespeare con Falstaff* per le parole crociate e altri giochi enigmistici come CodyCross. La Caina da L’inferno (1911) La Caina è la prima delle 4 zone che costituiscono il IX cerchio, ove sono confinate eternamente le anime dei traditori dei parenti. 91-111) colpevoli di avere sfidato la divinità: Nembrot (vv. Per fortuna la morte arriverà inevitabile, per quanti vi affanniate. MEDITINO LASSU’ NEI PALAZZI…, LA FORZA DEL SILENZIO E LA DITTATURA DEI PAROLAI, GESU’ A SANTA BRIGIDA : “O mia Roma, mia Roma, il papa ti disprezza e non bada alle parole mie…”. Introduzione generale del poema. Nella parte chiamata Antenora si trovano i traditori della patria . Al centro di Cocito, che corrisponde al centro della Terra, è confitto fino alla cintola Lucifero, intento a suppliziare senza tregua nelle sue tre bocche le anime di Bruto, Cassio e Giuda. La data scelta per celebrare ogni anno il Dantedì, il giorno di Dante, è il 25 marzo e forse non sarebbe stata gradita dal sommo poeta, uomo di fede, perché quel giorno per la Chiesa è la festa dell’Annunciazione (“l’angel che venne in terra col decreto/ de la molt’anni lagrimata pace,/ ch’aperse il ciel del suo lungo divieto”, Purg. "La Commedia secondo l'antica vulgata" di Dante Alighieri, a cura di Giorgio Petrocchi, 3 volumi. Le sue sei ali sbattono e producono un vento gelido, il quale congela le acque del fiume infernale. 58-81), Efialte (vv. Sarebbe invece arduo e forse impossibile dare cittadinanza ai contemporanei negli spazi del paradiso o anche solo del purgatorio. Divina Commedia, canto XXXIII dell'Inferno Quando 1306 - 1321 Caratteristiche In questo canto Dante si rivolge al potere politico, che disumanizza l’uomo rendendolo simile ad … E da questo sublime canto, che attraversa cinque secoli sboccia poi l’ideale risorgimentale dell’unità e dell’indipendenza nazionale (ideale ahimé in parte rovinato dai Savoia). Grease “troppo bianco” e Dumbo “razzista”: non se ne può più! Io li metterei nel peggiore girone dell’inferno per almeno 1 miliardo di anni. Anche su quei giornali che per anni hanno sdegnato l’identità italiana come un attentato alla loro fanatica fede europeista e globalista. Ma c’è un altro tema “patriottico” in Dante che oggi dovremmo meditare. Canto XXXIII, IX Cerchio, traditori della patria , degli amici e degli ospiti. Come è noto, l’ambientazione è data dal lago di Cocito, uno dei quattro fiumi infernali nella cui ghiaccia sono imprigionati i traditori, divisi in quattro zone concentriche. CODICE ISBN: informazione non disponibile 1a EDIZIONE ELETTRONICA DEL: 11 luglio 1997 2a EDIZIONE ELETTRONICA DEL: 2 dicembre 1999 3a EDIZIONE ELETTRONICA DEL: 20 giugno 2005 INDICE DI AFFIDABILITA': 3 Da questa zona si inizia a percepire il vento prodotto dalle ali nere di Lucifero. C’è chi arriva a sostenere che è un’invenzione ideologica che poi ha partorito il mostro del nazionalismo guerrafondaio. In realtà Dante “pianse” le condizioni dell’Italia e ne cantò la bellezza, ma non “inventò” affatto l’Italia, la quale esisteva da più di mille anni. Priamo della Quercia, canto XXXII I traditori dei parenti sono la prima categoria di dannati incontrata da Dante nel lago Cocito (IX cerchio, I zona). Vecce piccola storia letteratura italiana completo 120 Sistemi Strofici Commentatori danteschi Divina Commedia Breve dizionario dei commentatori danteschi Letteratura Italiana. Bibbia, Rimini, Traditori dei parenti. L’Europa delle Patrie, non quella dei burocrati.. whatever it takes! Poi, fra le varie evoluzioni regionali del latino, è stata riunificata proprio nel volgare toscano della Divina Commedia. Giunsero nella Giudecca (dal nome di Giuda) dove i traditori di Dio erano coperti di ghiaccio. Nel Cocito stanno diversi tipi di traditori, che sono divisi in quattro zone. quando saremo nell’al di là ne riparliamo, anzi parleremo proprio con il Duce. X). Ma c’è pure un altro aspetto che oggi dovrebbe far riflettere. Precedente Successiva. Per il secondo appuntamento online di Un cappuccino tra le righe... Vogliono annientare i simboli cristiani, ma la cultura può salvarci. INFERNO . Nella Tolomea, poi, l’Alighieri colloca i traditori degli ospiti, con la testa rivolta all’indietro: tra loro spicca frate Alberigo. CANTO I [Incomincia la Comedia di Dante Alleghieri di Fiorenza, ne la quale tratta de le pene e punimenti de' vizi e de' meriti e premi de le virtù. Contrappasso: Nel più profondo dell'Inferno, puniti da Lucifero stesso, il primo grande traditore, stanno i traditori delle istituzioni supreme, nel … Tutte le foto 9 / 10. Nel IX Cerchio dell’Inferno, l’ultimo, troviamo il lago ghiacciato di Cocito, al centro del quale – il centro della terra – sta confitto Lucifero che stritola continuamente con le sue tre bocche le anime di Bruto, Cassio e Giuda. Già questi traditori, infatti, sono rappresentati con un atteggiamento di spietata condanna e di duro orrore, che si riflette in una forma rispondente alla poetica, enunciata all'inizio del canto XXXII per tutto quanto il cerchio nono, delle rime aspre e chiocce, e ricca in particolare di immagini bestiali (cfr. Sarà un piacere sputargli un faccia. Il loro peccato va dal meno al più grave man mano che ci si avvicina a Lucifero. LA DIVINA COMMEDIA di Dante Alighieri . Pena: Sono in bocca a Lucifero, che li dilania. Invece, all’opposto, nel nostro tempo che è scristianizzato, dilagano il clericalismo e la papolatria. Mostra. Divina Commedia: l'Inferno. ... Divina Commedia - Inferno Daniele Guastella. 91-111), Anteo (vv. Dante, cattolicissimo, appare così agli antipodi del clericalismo e si permette questa sorprendente libertà. quello che tradi’ ..i non interventisti..poi i socialisti..poi i compagni della prima ora e della rivoluzione..poi gli italiani facendo loro credere di essere cittadini di una grande potenza ( di cartapesta come gli aerei e i blindati).poi l’Italia tutta creando un governo quisling nelle mani dei tedeschi e cedendo loro tutto il trentino..il friuli e la ‘istria..Infine tradimento supremo..lancio’ l’idea del ridotto valtellinese e fuggi di nscosto con il bottino e l’amante..E a questo proposito non parlo dei tradimenti sentimentali..basterebbe citare sua moglie o la sua musa l’ebrea Margherita Sarfatti ABBONATI A CULTURAIDENTITA’, "Difendere l’Identità e, conseguentemente, la Cultura di un popolo, corrisponde alla certezza che quel popolo veda il futuro. Commedia in cinque atti del famoso drammaturgo inglese. E soprattutto fra i non credenti. XXXII), denominazione della zona, da Caino, il primo omicida e fratricida, … Infine nella Giudecca troviamo i traditori dei benefattori. In che girone lo mettiamo ?? Il nome della zona deriva da quello di un principe troiano, Antenore, che, secondo una leggenda medievale (tuttavia diversa dal testo omerico), aveva tradito la sua città, la sua patria, aprendo le porte ai nemici greci. In tal modo, nelle figure di incontinenti, di violenti, di fraudolenti, di traditori, il poeta viene tipologicamente conoscendo la sempre più colpevole e volontaria rinuncia dell'uomo al retto esercizio della volontà e razionalità. La Divina Commedia nella Valle delle Pietre dipinte è un'opera pittorica di Silvio Benedetto, realizzata negli anni novanta su 110 massi in travertino di 1,50 per 2,50 metri, dipinti in più facciate, sulla grande opera di Dante. Giustamente il Cattaneo, nel 1839, recensendo “La vita di Dante” di Cesare Balbo, osservava: “solo chi crede che i fiori facciano la primavera e non la primavera i fiori, può credere che i versi e le prose  facciano le nazioni”. Dante per primo ha “pianto” le condizioni penose dell’Italia “asservita” e rovinata da classi dirigenti perlopiù disastrose e in guerra fra loro (“Ahi serva Italia, di dolore ostello,/ nave sanza nocchiere in gran tempesta/ non donna di provincie, ma bordello!”, Purg VI). Costoro sono congelati e messi supini,con le lacrime congelate direttamente negli occhi. Peccatori: Traditori delle due autorità: religiosa e politica. Come è noto, Arthur Schopenhauer, nel Mondo come volontà e rappresentazione, sostiene che della Commedia dantesca l’Inferno è la cantica meglio riuscita artisticamente, quella che peraltro richiede minori sforzi immaginativi al sommo poeta: e ciò in ragione del fatto che, in fondo, a Dante, per trovare l’ispirazione, non occorreva fare altro che guardare all’“inferno” del mondo reale. una Giudecca non basta ce ne vorrebbero di più. XXVII), colpevole di aver ingannato e straziato “la bella donna” (Inf XIX), cioè la Chiesa.